IL FRATTALE A „COMPRESSIONE“ DEL BITCOIN A PARTIRE DAL 2019 SUGGERISCE UNA GRANDE ROTTURA IN AVANTI

  • La Bitcoin è a rischio di subire una significativa rottura in quanto si consolida all’interno di un modello tecnico di compressione.
  • L’analogia è emersa come analista ha confrontato l’ultima tendenza del Bitcoin con quella del 2019.
  • Egli ha notato che la crittovaluta si è consolidata l’anno scorso all’interno di un simile intervallo di Triangolo Simmetrico, prima di scendere a 6.500 dollari da 14.000 dollari.

Mentre il modesto rally di Bitcoin questa settimana si arresta, gli analisti hanno iniziato ad esprimere le loro preoccupazioni per un più grande passo avanti.

Il trader di Cryptocurrency Josh Rager ha condiviso venerdì mattina un grafico di BTCUSD che mostrava l’andamento della coppia all’interno di un intervallo di negoziazione in contrazione. Il modello sembrava un Triangolo Simmetrico, confermato da due linee di tendenza convergenti che collegano una serie di picchi e depressioni sequenziali di Bitcoin.

Rager ha contrapposto il modello al suo gemello del 2019. Subito dopo che Bitcoin ha stabilito un top di quasi 14.000 dollari, ha iniziato a consolidarsi all’interno di un frattale simile a un triangolo simmetrico. Il risultato è stato un breakout negativo. La coppia BTCUSD ha rotto al di sotto della linea di tendenza inferiore a settembre e si è schiantata verso i 6.500 dollari nei tre mesi successivi.

Il signor Rager ha anche discusso gli eventi che hanno portato alla formazione di questi Triangoli Simmetrici. La parte superiore del 2019 di 14.000 dollari ha seguito una tendenza parabolica al rialzo dal fondo del Bitcoin vicino ai 3.120 dollari – stabilita nel dicembre 2018. Allo stesso modo, la criptovaluta è salita a circa 10.500 dollari quest’anno dopo aver toccato il fondo di quasi 3.800 dollari nel marzo 2020.

„È quasi ora“, ha detto in tono criptico il signor Rager. „Due mosse da 3.000 dollari a oltre 10.000 dollari. Entrambe con la compressione in alto“.

QUEL SENTIMENTO DI ACQUISTO DI BITCOIN MANCANTE

Il frattale del 2019 ha visto l’assenza di nuovi acquirenti al massimo di 14.000 dollari. Ciò ha portato a una massiccia correzione del prezzo verso i 9.000 dollari, seguita da un altro tentativo di ritestare l’alto YTD. Tuttavia, il prezzo poteva arrivare solo fino a 13.200 dollari.

Lo stesso è accaduto nel 2020. Il Bitcoin ha raggiunto i 10.500 dollari, ma non è riuscito ad estendere il suo slancio al rialzo sulla scia di una maggiore pressione di vendita. Il prezzo è stato poi corretto più volte verso la fascia 8.600-9.000 dollari. Ha tentato un rimbalzo verso i 10.500 dollari ma è stato fermato vicino o sotto i 10.000 dollari.

I rischi di ribasso sono rimasti più elevati anche a causa di un andamento a lungo termine della linea di tendenza discendente. Dal 2017, Bitcoin ha tentato, ma non è riuscita a chiudere al di sopra della trendline „rossa“. Questo spinge psicologicamente i trader a ridurre la loro esposizione rialzista al di sopra del cosiddetto tetto del prezzo.

Combinati con la „compressione“ frattale di Josh Rager, questi indicatori tecnici suggeriscono che Bitcoin potrebbe rompere ribassista nelle prossime sessioni.

UN INDICATORE RIALZISTA, NEL FRATTEMPO

Il passaggio del periodo di tempo di BTCUSD da giornaliero a settimanale dipinge un quadro piuttosto rialzista per la coppia. Così sembra, Bitcoin ha stampato una croce d’oro – un indicatore tecnico che suggerisce una sessione di acquisto in anticipo. Nel frattempo, la sua RSI settimanale ha anche un supporto superiore a 52 – storicamente rialzista.

Nella migliore delle ipotesi, il grafico settimanale indica che il Bitcoin potrebbe scendere verso la sua media mobile di 50 settimane (l’onda blu) per un potenziale richiamo verso la linea di tendenza discendente. Potrebbe portare ad un breakout del prezzo, con il prossimo range di resistenza in agguato intorno a $11.500-$12.000.

Nel frattempo, la rottura al di sotto dei 50-WMA potrebbe portare i prezzi verso i 6.000 dollari più bassi – proprio come suggerisce il frattale di Josh Rager.