In Che Modo L’estrazione Di Bitcoin Su Larga Scala Sta Guidando L’innovazione Nell’energia Pulita

Come mostra un progetto nella Svezia settentrionale, la dipendenza di Bitcoin dal consumo di energia potrebbe portare a un futuro più sostenibile.

Il consumo di energia dall’estrazione di Bitcoin System è enorme e le persone se ne accorgono. Gli aumenti sono aumentati rapidamente, con l’utilizzo di energia mineraria che ha rapidamente superato il totale dei piccoli paesi. E molti vedono questa impronta di carbonio in continua crescita come una minaccia al cambiamento climatico.

Ma non è una minaccia. In effetti, l’aumento del consumo di energia potrebbe salvare l’impianto.

Consumo energetico minerario Bitcoin e suo sottoprodotto

Agli albori del mining di Bitcoin, potevi estrarre con un laptop a casa tua. Basta impostare un impianto di perforazione e lasciarlo funzionare, e mentre potrebbe diventare un po ‚caldo nella stanza e la bolletta energetica potrebbe aumentare un po‘, un primo minatore potrebbe essere redditizio. A quel tempo, i minatori erano in competizione solo con altri hobbisti o strutture molto piccole.

Ma sono finiti i giorni in cui una sola persona poteva installare un impianto di perforazione nella propria casa e estrarre in modo competitivo Bitcoin. Oggi, per estrarre in modo competitivo, devi essere veloce, grande e potente. Ciò significa disporre dell’hardware più all’avanguardia su larga scala per eseguire gli algoritmi più velocemente. Enormi data center con migliaia di rig hanno ormai popolato il panorama competitivo del mining. Quelli con l’hardware più performante, il software più efficiente, le operazioni più ben gestite e l’elettricità più economica batteranno la concorrenza.

E quel livello di calcolo produrrà molta energia. Si stima che l’estrazione di Bitcoin produca 77 TWh di energia all’anno , che è paragonabile al consumo di energia del Cile

Una produzione così elevata di energia, necessaria per rimanere competitivi, significa che le attività minerarie devono mantenere i bassi costi energetici una priorità nelle loro operazioni. Poiché il crypto mining non è legato a una posizione, molte operazioni di mining stanno cercando regioni per costruire data center che offrano fonti di energia economiche e idealmente rinnovabili. Attualmente, le fonti energetiche sostenibili come l’idroelettrico e l’eolico non sono solo le più pulite, ma anche le più convenienti per le operazioni minerarie. Le attività minerarie cercano anche luoghi che abbiano energia in eccesso da risparmiare.

Ma quando entra un’enorme quantità di energia, ne deve uscire un’enorme quantità. È una semplice legge della termodinamica: tutta l’energia consumata non può essere distrutta, quindi deve andare da qualche parte. Quell’eccesso si presenta sotto forma di calore, un sottoprodotto delle operazioni minerarie. Il calore prodotto dall’elaborazione è così consistente che i data center devono occuparsi non solo dell’hardware ma anche dei sistemi di raffreddamento.

Finora, il calore è stato solo un sottoprodotto che doveva essere raffreddato e disperso. Ma ora i miner di Bitcoin si chiedono: e se si potesse fare qualcosa di buono con quel calore in eccesso? In che modo il calore generato dalle attività minerarie può essere riciclato o riutilizzato, fornendo una fonte di energia sostenibile e pulita? I data center possono riscaldare case, ad esempio, o serre, o sostituire fonti di calore per determinati settori? E nei climi più freddi dove il calore è scarso?